Creare sitemap XML per Google e i motori di ricerca

Cos’è una sitemap?

Una sitemap è, in parole povere, un elenco delle pagine di un sito web. La sitemap permette di comunicare a Google e ai motori diricerca informazioni sulle pagine del sito web che non potrebbero essere rilevate dai motori di ricerca. Creare una sitemap Google permette di comunicare a Google e ai motori di ricerca l’esistenza di un sito web. Una sitemap è una sorta di censimento delle pagine web, della homepage e degli URL che la normale procedura di scansione non potrebbe rilevare.
Come è fatta una Sitemap

Una sitemap è un file XML contenente tutti gli URL di un sito web. La sitemap contiene inoltre una serie di informazioni (metadata) relativi ai vari URL come ad esempio la frequenza delle modifiche apportate alle pagine, la data dell’ultimo aggiornamento o l’importanza rispetto alle altre pagine web. Queste informazioni permettono ai motori di ricerca di scansionare in maniera ottimale il tuo sito web.
A cosa serve una Sitemap XML

Creare una sitemap e sottoporla ad un’analisi da parte di Google non è sufficiente a garantire l’indicizzazione sui motori di ricerca ma permette di facilitare la scansione del sito web da parte dei crawler web. Secondo quanto dichiarato da Google i dati contenuti nelle sitemap permettono ai crawler di capire la struttura del sito. Google è in grado di accettare diversi formati sitemap ma consiglia di utilizzare le sitemap in base al protocollo Sitemap 0.9 che permette di condividere e inviare le informazioni anche agli altri motori di ricerca membri, Bing, Yahoo.
Come creare una Sitemap

Per costruire una sitemap in linea con il protocollo Sitemap 0.9 la sitemap deve iniziare con un tag e terminare con un tag di chiusura , specificare lo spazio dei nomi (standard del protocollo) all’interno del tag , presentare una voce per ogni URL come tag XML principale, includere una voce secondaria per ogni tag principale .
A cosa servono i TAG XML

Priority. Il tag facoltativo priority permette di assegnare una priorità alle pagine del sito web. La priorità può essere compresa fra 1.0 (estremamente importante) e 0.1 (per niente importante). Modificare il valore priority all’interno di una sitemap non è strettamente legato al miglioramento del posizionamento nei motori di ricerca in quanto i motori di ricerca utilizzano queste informazioni al momento della selezione degli URL. In questo modo potrai definire quali pagine hanno una importanza maggiore e quali potranno avere la maggiore probabilità di essere visualizzate negli indici di ricerca.
TAG Frequenza

Frequenza. Il tag facoltativo changefreq indica la frequenza di modifica delle pagine. I valori utilizzabili sono:
always. Per pagine che vengono modificate ogni volta che vi accede un utente.
hourly
daily
weekly
monthly
yearly
never. Utilizza questo valore per gli URL archiviati.
Come tutti i tag delle sitemap XML anche questo valore non è da considerarsi come un comando ma come un’indicazione. E’ quindi possibile che pagine web la cui frequenza sia stata impostata su hourly non vengano poi scansionate così frequentemente dai crawler a vantaggio magari di altre che hanno un tag frequenza di aggiornamento minore. Questi sono i Tag XML utilizzati maggiormente. Per fornire ai motori di ricerca possono essere utilizzati ulteriori tag XML. Tutti gli URL di una sitemap devono provenire da un solo host.
TAG lastmod

Data ultima modifica. Lastmod viene utilizzato per indicare la data dell’ultima modifica di una pagina.
Tool per creare sitemap XML su CMS

A seconda della tipologia di CMS utilizzato per la realizzazione di un sito web esistono diversi plugin e componenti che permettono di creare sitemap XML e segnalare a Google, Yahoo e Bing aggiornamenti a pagine web o la creazione di nuovi contenuti.
Se utilizzate WordPress vi consiglio uno tra i seguenti plugin:
Google XML sitemaps
Better WordPress Google XML Sitemaps
Simple Google Sitemap XML
Se invece utilizzate Joomla vi segnalo: